Friday 15th November 2019
x-pressed | an open journal
February 14, 2014
February 14, 2014

Spagna: “Mi vogliono condannare a 2 anni di carcere per aver scritto canzoni”

Author: Pablo Hasel Translator: duolingo
This article is also available in: elenespt-pt
Spagna: “Mi vogliono condannare a 2 anni di carcere per aver scritto canzoni”

Ogni giorno dobbiamo sopportare tutti i tipi di difensori del fascismo e non succede assolutamente nulla, al contrario, i fascisti sono persino difesi dalla polizia; quando protestano, hanno canali televisivi, giornali, finanza pubblica, ecc

Tuttavia, dire che quelli che buttano le famiglie fuori in strada meritano di essere puniti è considerato difendere il terrorismo. Mi accusano di non sentirmi male se accade qualcosa a quelli che ci condannano alla povertà e alla precarietà. Mi giudicano perchè non possono sopportare la nostra lotta per far finire le costanti ingiustizie e per il fatto che la mia musica fa pensare le persone.

Il 10 del mese prossimo, sarò sotto processo alla Corte Nazionale accusato di quello che loro chiamano “difendere il terrorismo”, per qualche canzone e qualche scritto in cui esprimo il mio odio verso gli oppressori, quelli responsabili per la situazione intollerabile che stiamo vivendo, quelli colpevoli di un genocidio continuo. Siamo stati informati con un così breve preavviso che non abbiamo avuto tempo di preparare una campagna per la libertà di espressione e per l’assoluzione

Ogni giorno dobbiamo sopportare tutti i tipi di difensori del fascismo e non accade assolutamente niente; loro, al contrario, sono addirittura difesi dalla polizia quando protestano, hanno canali TV, giornali, finanze pubbliche, ecc.. Cantare dicendo che i migranti dovrebbero essere uccisi, come molti gruppi Nazisti fanno, non è punibile e poi è normale che la polizia abbia appena ucciso 15 migranti. Comunque, dire che quelli che buttano le famiglie fuori in strada devono essere puniti è considerato difendere il terrorismo. Mi accusano di non sentirmi male se accade qualcosa a chi ci condanna allapovertà e alla precarietà Mi giudicano perchè non possono sopportare che noi lottiamo per far finire le costanti ingiustizie e perchè la mia musica fa pensare le persone.

Due anni e mezzo fa sono stato arrestato in strada e dieci poliziotti perquisirono la mia casa prendendo molte cose pericolose come taccuini, libri, magliette, fotografie, computer, ecc. Non solo mie, ma anche della mia famiglia. Dopo sono stato portato alla stazione di polizia a Madrid e, dopo essere stato interrogato, sono stato lasciato steso in una cella con nessun accesso alla toilette e niente su cui sdraiarmi o con cui coprirmi Il giorno dopo sono andato in tribunale e sono stato rilasciato con accuse.

C’è solo un mese per la campagna di assoluzione e questa, come lo spostamento del processo, l’avvocato, eccetera, avranno un costo. Quindi do un numero di conto corrente di un amico, perchè non ho nessun conto corrente bancario, per chiunque voglia fare un contributo di solidarietà, anche piccolo (2100-0512-02-0101223457 Caixa). In questo caso serve anche il più piccolo contributo. Se, dopo il processo rimarrà qualcosa di quel denaro, sarà donato per iniziative di solidarietà a prigionieri politici. Comunque, il supporto alla campagna potrebbe non essere solo finanziario: denunciare la loro repressione è un aiuto sufficiente. Grazie in anticipo a tutti quelli che si uniscono alla lotta per l’assoluzione contro tali abusi nei confronti della libertà più importante.

Le persone dovrebbero sapere che in questo paese c’è completa libertà di espressione solo per i fascisti, e, dall’altro lato, ci sono persone detenute e portate in giudizio per aver espresso le loro idee sulla giustizia sociale.

This article is also available in:

Translate this in your language

Like this Article? Share it!

Leave A Response